Il Minotauro allo specchio

Entrare nel Labirinto per raggiungere il centro, sapendo che ad aspettarci troveremo un orribile mostro, non è tra i desideri di molti.
Alcuni, del Labirinto non conoscono neanche l’entrata. Per altri Teseo è ancora lontano e non sentono ancora quella spinta eroica a calarsi nelle viscere delle proprie tenebre.
Ma l’Esistenza non conosce l’esonero, non risparmia niente e nessuno. All’Esistenza non importa nulla dei tuoi piani e dei tuoi desideri di una vita calma e sonnolenta. L’Esistenza ti viene a stanare, impietosa e amorevole. Si, amorevole.
Perchè alla Vita tu interessi, e tanto. Ma ad interessarle non sono le nostre meschine e comode aspirazioni, che quasi sempre niente hanno a che fare con quello che la Vita si aspetta da noi.
Noi siamo come dei diamanti grezzi, che grazie alla Vita veniamo “lavorati” fino a fare risplendere il diamante in tutta la sua purezza e luminosità.

Ma questo lavoro di sgrezzamento può fare anche un po’ male. A volte veniamo lisciati dolcemente e lentamente, a volte ci vengono assestati dei colpetti decisi e potenti.
Ma lo scalpello sa sempre dove battere, non lavora a caso.
Lo scultore è la nostra anima, che sa benissimo dove dobbiamo arrivare, quali passaggi farci attraversare.

Ma torniamo al diamante grezzo nascosto nelle viscere di quella mostruosa creatura che è il Minotauro.
Come dicevamo la Vita non ti esonera, quindi anche se tu non hai la benchè minima intenzione di andartelo a cercare, lei il Minotauro te lo fa comunque incontrare.
Dove? Ovunque attorno a te. Quella mostruosa immagine la vediamo rispecchiata nella realtà che ci circonda. Situazioni, persone, tutto ciò che non ci piace, che ci irrita, che ci ripugna è proprio lì davanti a noi. Specchiato nell’ Altro.

Non possiamo scappare, non c’è luogo dove possiamo nasconderci. Tutto è approntato amorevolmente per portarci al Minotauro, alla nostra Ombra.
La Vita è equanime, da a tutti un’opportunità. Anche ai più pigri, non solo agli Eroi.
Quindi se non vi sentite affatto come Teseo, statevene pure tranquilli, non agitatevi.
La Vita è la più temibile dei predatori. Non molla la preda fino a quando non l’ha divorata.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...