Politica e farfalle.

Partito Italia NUovaSono una “supporter” del Partito Italia Nuova ormai da tre anni.
Un altro partito direte voi. Si un altro.
Anzi, preferisco dire che è un partito “altro”, nel senso che è altro da ciò che esiste già, altro da ciò che conosco di me stessa. Per fortuna.
Mi reputo infatti fortunata, se credete nella fortuna, ad aver trovato ciò che andavo cercando da tempo nel panorama politico italiano, che da anni mi vedava ormai alla deriva, su una zattera solitaria, in mezzo al mare del vuoto di senso che mi circondava.
Prima di incontrare il PIN il sentimento che mi pervadeva di fronte alla politica era di smarrimento, confusione, frustrazione e rabbia. In sequenza.
Poi ho letto il libro di Armando Siri e mi sono illuminata.
Adesso, non sto dicendo che da quel momento la mia vita è stata un paradiso, anzi direi che da allora mi si sono presentate davanti diverse difficoltà.
Molti dei miei amici non hanno apprezzato la mia scelta, alcuni mi hanno ferocemente attaccato, altri mi hanno ignorato, pochissimi mi hanno fatto qualche domanda al riguardo con occhi sospettosi e dubbiosi, come a dire “questa è impazzita di colpo”.
Ma questa è una vecchia storia, vecchi ricordi che tornano a salutarmi ogni tanto. Come a dire “Ciao, stai partendo per una nuova avventura? Ci mancherai!”
Da allora sono passati tre anni e tra alti e bassi sono ancora qua a supportare e sopportare il PIN.

Battito d'ali

Battito d’ali

Il fondamento filosofico di questo partito straordinario è che l’esterno, il mondo, altro non è che una proiezione del nostro interno, una gigantografia della nostra interiorità, generosamente offerta dall’Universo&Co, per permetterci di guardarci dentro bene, ma proprio bene, insomma una lente di ingrandimento gigantesca per scovare anche la più piccola delle nostre ombre.
La vita ci mette a disposizione questo preziosissimo strumento per imparare a conoscere noi stessi per evolvere, per rendere consapevoli quegli aspetti di noi stessi che giocano a nascondino negli angoli più remoti del nostro essere.
Giusto per portare un po’ di luce dove serve. Solo questo, niente di meno.

Adesso vi confesserò che il PIN non è perfetto, così come non lo sono io. Ci sono delle cose migliorabili, se vogliamo.
Ma il punto è che quelle cose da migliorare, non lo fanno per inerzia.
Per cambiare, per migliorare, per evolvere, dobbiamo semplicemente operare al nostro interno e agire di conseguenza.
Agire.
Non posso sperare che le cose cambino semplicemente stando seduta comodamente sul divano di casa mia, ma devo agire quel cambiamento che spero di vedere anche all’esterno di me. Devo essere io il cambiamento che desidero.

Per questo motivo partecipo alla Camminata Lenta.Camminata Lenta
Partecipo, perchè so con certezza, che le mie azioni avranno una conseguenza, magari non mi apparirà subito il legame tra quello che faccio e la conseguenza, ma so che il risultato ci sarà. Non so quale, in che modalità si manifesterà, ma a me questo non importa. Qualcuno ha detto che quando una farfalla sbatte le ali in Cina, un tornado si scatenerà in Texas.
Ecco, questo è il mio battito d’ali.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...