Sul lavoro all’uncinetto o crochet che dir si voglia

Fin dall’antichità alcune tecniche artistiche sono state tramandate di generazione in generazione, per permettere di accedere a stati di consapevolezza alterati. Per stato di consapevolezza alterato si intende uno stato di consapevolezza, o percezione, molto preciso, che è lo stato che si raggiunge quando non si è più identificati con i veicoli inferiori della personalità, corpo-emozioni-pensieri, ma si è consapevoli di essere l’essenza che percepisce questi veicoli, che è oltre questi veicoli terrestri, alterità che ha le sue origini su un piano che è più elevato rispetto al piano terrestre, e che si colloca sul piano animico o piano della croce.

Il lavoro all’uncinettoWoman_doily_meditation rientra nella serie di questi lavori manuali, che possono essere utilizzati da chiunque per facilitare il processo di disidentificazione dalla personalità per poter contattare la propria anima.

Il lavoro all’uncinetto necessita di alcuni strumenti: un uncinetto, piccola bacchetta di metallo o legno con un uncino all’estremità e un gomitolo fatto di un filato che sceglierete in base alle vostre preferenze. Per lavorare bisogna cominciare dal punto base:la catenella.

La catenella è il punto più semplice che sta alla base di tutto il lavoro all’uncinetto, e serve a realizzare punti più elaborati come il punto alto, il punto alto doppio, il punto alto triplo e molti altri ancora, che non potrebbero esistere però se non esistesse la catenella.

In particolare a me piace molto lavorare all’uncinetto per realizzare i centrini. Si tratta infatti di utilizzare la lavorazione in tondo, si parte da un centro, solitamente un piccolo cerchiolino creato con poche catenelle e poi si continua a lavorare in cerchi sempre più larghi, utilizzando quella che viene chiamata simmetria radiale, cioè un disegno simmetrico rispetto a tre, quattro, cinque, sei o più raggi.

Esempi di simmetria radiale si possono ritrovare in natura, pensate ad esempio alla struttura dei fiocchi di neve o in molti organismi viventi, oppure si possono trovare riproduzioni nell’architettura antica come i rosoni delle chiese gotiche o i più moderni cerchi nel grano e in tantissime riproduzioni artistiche, come ad esempio alcune opere dell’artista Damien Hirst.

simmetria-radiale-fiocchi-di-neve

simmetria-radiale-naturasimmetria-radiale-rosonisimmetria-radiale-mosaicisimmetria-radiale-cerchi-granosimmetria-radiale-hirst

 

 

 

 

Attraverso il lavoro all’uncinetto sui centrini possiamo sviluppare qualità come la concentrazione, la capacità di utilizzare entrambi gli emisferi celebrali (non è mai consigliabile usarne soltanto uno in modo ossessivo e continuativo) e la capacità di disidentificazione dalla personalità. Inoltre possiamo sviluppare la capacità analogica-intuitiva concentrandoci su ogni singolo punto che andiamo a realizzare prendendo il filo con l’uncino. Il singolo punto in sé non è consapevole del disegno che sta andando a formare. Il disegno lo si può osservare soltanto dall’alto, elevando il punto di osservazione.

Se siete interessate ad imparare l’arte dell’uncinetto, ogni venerdì del mese di febbraio dalle ore 17.00 alle ore 19.00 mi potrete trovare da Misterlino Officina Caffè. Portate con voi uncino e gomitolo, ma se vi manca qualcosa potrete acquistare lì tutto l’occorrente. 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...